Condaghe cinguetta

lunedì 3 febbraio 2014

Welfare (de)generativo.

Welfare (de)generativo?

Siamo alle solite.
Cambian le parole d’ordine ma non cambia la mentalità.
Oggi dopo anni di svariate integrazioni, sistemi e metodi, piani e patti, il tutto per arrivare alla comunità solidale, il welfare si (ri) genera, almeno linguisticamente.
A ritroso… sembra l’ennesimo tentativo di curare il tumore con il placebo... e via di sussurri e grida:




Dialogo sul nulla fra Esperto  e Consulente :

Esperto: “Si spende troppo, la crisi ci impone un ripensamento del sistema di welfare…”
Consulente:  “Certo la necessità di avviare processi virtuosi non può pregiudicare gli ottimi livelli prestazionali che sono stati raggiunti… Bisogna risparmiare attivando sinergie importanti pubbliche e private… ”
E: “Ci vuole Sussidiarietà! e non solo verticale! Non si può curare un sistema malato con la stessa medicina che lo ha causato… mutuando Einstein…"
C:  "e la forza che sta nella solidarietà! Non bastano i finanziamenti! Si rischia un effetto iatrogeno anche nella sfera sociale, come ricorda Illich!”
E:  “Ha ragione caro collega! Basta finanziamenti a pioggia! Vengano fatti progetti mirati! In grado di rideterminare i fattori di spesa alla luce di nuovi indicatori che definiscano parametri condivisi…”
C:  “il focus sono i Bisogni! E non solo le astratte categorie paradigmatiche, il confronto sui dati può essere forviante nel momento in cui non si parte da un modello condiviso … da un linguaggio comune… in grado di identificare prima di erogare…”
E:  “ e già bisogna prima di tutto ascoltare e rilevare i bisogni, per dar corpo ad azioni concrete che coinvolgano tutti gli attori in un processo virtuoso!”
C:  “ per avere risposte mirate, altrimenti si rischia un processo di reistituzionalizzazione coatta dei servizi… dopo tutta la fatica che noi operatori sociali abbiamo fatto per dare dignità alla persona umana!  ”
E:  “ perché come operatori sociali abbiamo il dovere di sostenere l’empowerment comunitario! “
C:  “mmm… e sì senza un percorso di welfare allargato… “
E:  “Già di comunità solidale, si tratta di un agito responsabile degli attori sociali, un investimento di capitale sociale non indifferente!”
C:   “e sì proprio una nuova vision del sistema di welfare che metta in primo piano la famiglia e la comunità, attori di un WELFARE GENERATIVO!.. tiè!”

E:  “ohhhhh, hai proprio ragione…”



Nessun commento: