Condaghe cinguetta

lunedì 10 settembre 2007

Grillo la mano di Dio 2

Ancora spigolando qua e là fra le righe della proposta

Articolo 2. Sospensione e decadenza dall’ufficio di parlamentare.
1. Sono sospesi dall’ufficio, con delibera della Camera di appartenenza, i membri che hanno riportato, anche precedentemente alla proclamazione dell’elezione, una condanna non definitiva per reato non colposo ovvero a pena detentiva superiore a mesi 10 e giorni 20 di reclusione per reato colposo. La sospensione cessa automaticamente in caso di successiva assoluzione dell’imputato.

Mi piacerebbe tradurlo così:
caro eletto non conta un cazzo chi ti ha eletto e se sei colpevole o innocente, intanto togliti dai cojoni. Poi, con i tempi della giustizia italiana, prima che ti arrivi la sentenza definitiva il governo è caduto e tu sei stato ampiamente sputtanato.

Ma non si è innocenti fino a prova contraria...

A Grillo consiglio la rilettura di qualche classico... Dei delitti e delle pene ad esempio.

Nessun commento: